image_pdfimage_print

Russia, un paese ancora sospeso tra passato e presente

Commenti di viaggio

A Mosca tra chiese e monasteri. A San Pietroburgo tra dimore regali e dinastie. E sopra la selva di cupole dorate, pinnacoli multicolori e palazzi tinta pastello, un cielo azzurro punteggiato di nuvolette bianche. “Condizione eccezionale per un periodo di così tanti giorni” ci hanno detto. E noi 28 del Ctg ce le siamo godute tutte quelle giornate, insieme con le diverse pennellate dei boschi, dei fiumi e del mare. La tavolozza della Russia che abbiamo visitato un mese fa è stata questa. Splendida!

Continua la lettura

Share

Mosca, Anello d’Oro, San Pietroburgo

Impressioni di viaggio

Era già buio alle 19,40 quando siamo giunti a Mosca e subito con la guida Pietro siamo partiti per il previsto giro panoramico notturno della città, facendo sosta nella Piazza Rossa tutta illuminata a giorno. Che meraviglia, che gioia, che emozione trovarsi nella bellissima e famosissima piazza dove la Russia sovietica, con Stalin e via via con i suoi successori, voleva mostrare al mondo la sua grande potenza militare.

Continua la lettura

Share

A…ttenti! c’è Capraia

Non vorrei dilungarmi a descrivere le bellezze di questa “chicca” di isola che è Capraia, rigurgitata dal mare blu nove milioni di anni fa e poi nuovamente ricompattata con un altro fenomeno eruttivo cinque milioni di anni dopo, con le sue scogliere variopinte a picco e la sua natura solitaria ma familiare.

Continua la lettura

Share

La magia delle Lofoten

Frammenti di ricordi del viaggio dal 23 al 27 febbraio 2017 in terra scandinava

Sono partito a malavoglia, fiaccato da una brutta influenza, con timore di essere di intralcio ai nuovi, sconosciuti compagni, ma la presenza di mia moglie mi ha indotto ad accettare il rischio (mi rendo sempre più conto di quanto sono fortunato da ben 47 anni!). Poi, oltre il Circolo Polare, l’aria glaciale delle bufere artiche ha evidentemente depurato e rinvigorito il mio fisico.

Continua la lettura

Share

Magica ‘globigerina’

Si parte per distrarsi, per cambiare aria, per scoprire cose nuove, anche per … sfuggire. Si parte a volte con aspettative precise, a volte con qualche timore, a volte inconsciamente, altre invece con l’animo pesante.
Se all’alba di quel lunedì mattina avessimo scrutato nell’animo di ognuna delle 24 persone pronte a partire chissà quali turbamenti avremmo trovato.

Continua la lettura

Share

Emozioni

È la parola che mi viene spontanea ripensando a ciò che ho provato il giorno 17 gennaio alla Mostra “Storia dell’impressionismo” a Treviso. Trovarmi vis a vis con i dipinti dei grandi artisti dell’Ottocento è stato un susseguirsi di sentimenti, dall’ammirazione allo stupore, dalla riconoscenza alla soddisfazione, fino al fiotto al cuore ed alla commozione di fronte a Van Gogh con i suoi “Cipressi”.

Continua la lettura

Share

Marocco Imperiale

Già l’arrivo a Casablanca è stato particolare: siamo usciti dall’aeroporto e guardavamo per individuare qualcuno con una cartello CTG e dopo qualche istante arriva un tipo alto e scuro di pelle, con tunica fino a terra ed un turbante in testa, parlante un italiano quasi perfetto: era lui! Mohamed, la nostra guida che nei giorni successivi ci ha piacevolmente intrattenuti senza mai stancarsi.

Continua la lettura

Share