San Martino e Solferino 🗓

image_pdfimage_print

10 aprile 2016

il Risorgimento

Il termine Risorgimento indica il processo di rinnovamento culturale, politico e sociale che consentì la formazione dello stato nazionale in Italia, che convenzionalmente si reputa avviato all’indomani del congresso di Vienna e compiutamente realizzato con la nascita dello stato nazionale, dopo la conquista di Roma capitale nel 1870.

sanmart_solferino

Programma

ore  7:00  – partenza da Belluno (p.le Stazione) con pullman GT via Ponte Alpi e autostrada.
Chi volesse usufruire della fermata allo Stadio è pregato comunicarlo in sede.
Sosta di ristoro lungo il percorso.

ore 10:30 – arrivo a Solferino, incontro con la guida ed inizio delle visite ai luoghi della famosa battaglia del Risorgimento (24/6/1859) combattuta fra l’esercito austriaco e quello franco-piemontese come atto finale e conclusivo della Seconda Guerra d’Indipendenza. La battaglia vittoriosa si concluse con la presa della Rocca, più conosciuta come la “Spia d’Italia” per la sua posizione dominante.

Pranzo LIBERO

Nel pomeriggio visita di San Martino. Il complesso monumentale ricorda la battaglia qui combattuta il 24 giugno 1859 tra l’esercito austriaco e franco-piemontese. All’ingresso della torre, alta 64 metri, il visitatore è accolto dalle statue dei protagonisti dell’unità d’Italia, mentre gli affreschi disposti lungo la rampa ripercorrono gli episodi del Risorgimento. Dalla terrazza si gode di un ampio panorama. Il Museo espone armi, cimeli e documenti, oltre a oggetti d’uso dei soldati. Jean-Henry Dunant, un giovane svizzero, venuto ad incontrare per i suoi affari Napoleone III, visitando la stessa sera il campo di battaglia fra i lamenti dei moribondi, vide che i feriti erano affidati alla pietà delle donne abitanti i dintorni del campo di battaglia e che non discriminavano sulla nazionalità dei feriti, aiutandoli. Dunant, colpito da tanto coraggio e pietà, iniziò ad idealizzare i principi che portarono alla nascita della Croce Rossa e che valse al suo fondatore il primo Premio Nobel per la Pace nel 1901.

Pranzo: Per chi lo desidera è possibile prenotare il posto tavola presso un ristorante/pizzeria della zona, poi ognuno mangerà quello che desidera (pranzo o pizza o toast, ecc.) oppure mangiare a sacco nel parco di Solferino.

Programma dettagliato in sede

Share
Appuntamenti Gite Turismo